Dopo aver eliminato il conteggio dei like sotto ai post, Instagram negli ultimi tempi ha lanciato una novità molto importante: ha rimosso una volta per tutte la sezione “Seguiti” (chiamata “Segui già” sui dispositivi Android) accessibile tramite l’icona a forma di cuore. Con questo aggiornamento, Instagram ha alzato il livello di privacy, impendendo di spiare tutto quello fatto dai propri follower sulla piattaforma: quindi conoscere i nuovi account seguiti, i mi piace e i commenti rilasciati dagli account che si seguono. La funzione “Seguiti” permetteva quindi di sapere ogni azione eseguita dai follower. Ma era nata con questo intento?

 

L’obiettivo iniziale del “Segui già”

Instagram aveva lanciato nel 2011 la sezione “Segui già” come prima funzionalità, prima ancora della comparsa della sezione “Esplora”. All’epoca, “Segui già” era nata con un altro obiettivo, quello far scoprire cose nuove agli utenti, un’apertura più ampia sul mondo grazie ai like messi dai nostri contatti ad altri utenti di cui ignoravamo fino a quel momento l’esistenza. Tutto questo prima di diventare un vero e proprio modo per spiare gli altri. Purtroppo in moltissimi casi si prestava ad essere invece un modo perfetto per scoprire se il proprio partner metteva troppo spesso cuoricini ad un’altra persona in particolare oppure se stava scambiandosi troppi like e commenti con la sua ex. Una trasparenza eccessiva che lo stesso Instagram ha deciso di eliminare dalla propria piattaforma.

La sezione “Segui già” verrà così rimpiazzata da “Esplora”, accessibile attraverso la lente d’ingrandimento. Si tratta di uno spazio con cui ogni utente potrà scoprire nuovi post, luoghi, hashtag e nuove persone da seguire, in base ai propri interessi e ai like messi durante l’attività sul social.

 

Nascondere le proprie attività in passato

Prima del nuovo aggiornamento, per nascondere “Segui già” su Instagram era necessario seguire una semplice procedura: una volta effettuato l’accesso all’app, nella schermata bisognava selezionare la voce “Opzioni” in alto a destra. Nel menu che si apriva, dopo aver passato in rassegna le voci “Invita amici”, “Segui persone” e “Account”, occorreva fare click su “Impostazioni”. Nella nuova schermata, tra le varie funzioni, ecco che c’era l’opzione “Mostra lo stato di attività”: per disattivarla, bastava cliccare sul “pulsantino” blu. Una volta portata a termine la procedura è vero che era possibile godere di una maggiore privacy su Facebook, ma non era più possibile vedere nemmeno l’attività dei propri follower.

 

Le motivazioni dietro l’aggiornamento

Si tratta un aggiornamento molto importante per quanto riguarda il livello di protezione della privacy sul social network, dato che rende impossibile il monitoraggio dell’attività dei seguiti su Instagram, contrastando episodi spiacevoli di stalking e bullismo. Sempre secondo Instagram, questa funzione è stata poco utilizzata dagli utenti e solo pochi ne conoscono veramente i rischi: i più ignorano che tutte le loro attività vengono mostrate ai propri followers ed è anche per questo che quest’eventualità sarà scongiurata con la definitiva rimozione della funzionalità. Se inizialmente la sezione “Segui già” era stata eliminata da un numero limitato di, molto presto si è estesa a tutti gli utenti.